silicio faggin mutoia

Silicio di Federico Faggin

Dall’invenzione del microprocessore alla nuova scienza della consapevolezza.

Se non conoscete Federico Faggin, la sua autobiografia è un ottimo punto da cui iniziare. Con buona probabilità, resterete affascinati da questo italiano il cui lavoro ha contribuito in maniera importante alla creazione di alcune tra le tecnologie che utilizziamo ogni giorno e che, dopo il ritiro dall’attività imprenditoriale, si dedica allo studio scientifico della coscienza.
E’ considerato l’inventore del microprocessore (che ha concepito a soli ventinove anni), paternità che gli è stata riconosciuta solo dopo una lunga controversia con la Intel, azienda per la quale lavorava.
In seguito, come imprenditore di successo, contribuisce a progettare e diffondere touchpad e touchscreen.

A metà degli anni Ottanta Faggin inizia ad interessarsi ai dibattiti sulle reti neurali artificiali come possibili applicazioni in campo tecnologico: studia dunque biologia e neuroscienze, che costituiranno la base dei suoi attuali studi sulla coscienza.
Faggin nota come le neuroscienze riducano l’attività cerebrale a una mera attività neurochimica, mancando di rispondere a quesiti fondamentali sull’emergere di sensazioni e di sentimenti.
Vuole scoprire il procedimento grazie al quale la coscienza emerge dal cervello: si interroga sulla natura della coscienza, rifiutando la visione materialista del mondo, secondo la quale tutto ciò che esiste deve essere prodotto dall’iterazione di particelle elementari.

In quel periodo, Faggin è colto da una crisi esistenziale, provando un’infelicità che stride con la vita di grande successo che ha creato. Questa insoddisfazione lo porta a farsi domande profonde sul senso della vita.
Si dedica, da allora, all’esplorazione della coscienza, lo spazio in cui avviene la conversione della realtà materiale esterna in realtà interiore, chiedendosi se non possa accadere anche il contrario, ovvero se la coscienza possa influenzare la realtà.
Nel suo stile di ricercatore, studia questa materia con rigore scientifico, cercando di rispondere a queste importanti domande, che fino a questo momento sono state ignorate dalle discipline tecniche e scientifiche.
Nel 2011 fonda la Federico and Elvia Faggin Foundation, organizzazione senza scopo di lucro che ambisce a studiare le implicazioni scientifiche della coscienza, sponsorizzando programmi di ricerca teorica e sperimentale presso università e istituti di ricerca statunitensi, convinto che ora più che mai sia di fondamentale importanza cercare soluzioni a questi quesiti, anche in vista dei balzi tecnologici che modificano di continuo le nostre vite.

Categorie

Iban:

IT80R0569611009CCI000159142

mutoia

inviaci i tuoi  progetti o le tue idee. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: